Che lo immigrato sia certificato

Share

Ceccon 8 10 2013 (Medium)Lo Re Vostro Illuminato decreta che le coste italiane siano aperte all’immigrazione. Che le barche e li barconi e le zattere e le chiatte siano intercettate e scortate non appena entrate nell’acque territoriali della penisola. Che tutti li naviganti siano presi in cura rifocillati e curati per lo tempo necessario che si rimettano.
Lo Re vostro decreta che se li extracomunitari sian trovati senza documenti, come per lo più accade, gli sian dati documenti europei, dicasi: carta di identità speciale che identifica come appartente al monto e residente sulla terra. Lo si fotografi e gli si dia nome italiano essendo sbarcato in Italia, tipo: Antonio Kunta Kinte Giovanni Lampedusa, o Sergio Neri Lampedusa, O Davide Zambia Lampedusa, o Antonietta Eritrea Lampedusa. Data di nascita attribuita all’incirca se non confermata dallo navigante. L’europa riconoscerà tale documento valido per lavoro sanità e richiesta di cittadinanza e residenza. Le genti così in possesso di documento potranno migrare viaggiare e cercare lavoro con una identità riconosciuta e validata.
Le spese per l’incorporamento delle genti sono a carico di tutte le nazioni in misura eguale. A tutte le nazioni è fatto obbligo di accogliere i profughi e i migranti ed intanto e con solerzia trattare con le nazioni ed emigrazioni per portare e non rubare ricchezza alle nazioni de lo Terzo Mondo.

Share

Un commento a "Che lo immigrato sia certificato"

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato