Frisa: per essere alla moda, Vicenza punti sull’inedito | La Nuova Vicenza Giornale Online